Il nostro network: News & Eventi | Ultim'ora & Politica | Guida Turistica | Hotels & Alloggi | Casa
Domenica 28 Novembre 2021
Italiano English

Riccardo Sanna espone presso la Chiesa monumentale di San Francesco

Gualdo Tadino (PG) - Per tutto il mese di febbraio 2014 espone presso la Chiesa monumentale di San Francesco - Gualdo Tadino, (PG) il maestro Riccardo Sanna, titolo della mostra "Pensieri e Colori", I pensieri sono colori, che diluiti dalla mente come acquerelli pallidi ci muovono dentro, ci spingono oltre a cercare o ricercare parte di noi stessi, qualora ci fossimo persi.

Appunto pensieri e colori è il titolo della personale di Riccardo Sanna presso la Chiesa Monumentale di San Francesco a Gualdo Tadino. Pittore di origine sarde, ma umbro di adozione, Sanna è un vero paesaggista, un vedutista legato alla grande tradizione italiana che trae ispirazioni dalle bellezze naturalistiche e architettoniche della nostra terra che a tratti, incontaminata dal moderno, sembra fissata in un tempo remoto.

Quando per la prima volta ho consigliato a Riccardo di approfondire il tema della Porta sembrava quasi perplesso, come se in esse non riuscisse a ravvedere la sua vera forma artistica. A distanza di qualche mese ritrovo in questa personale tutta la sperimentazione e la ricerca sul tema, che credo renda immediatamente riconoscibile la stilistica di Riccardo Sanna.

Ed è così che le Porte finalmente acquistano una loro identità, non sono più meri oggetti in legno decadenti e diroccati, ma sono persone, ricordi, luoghi, che attraverso i colori tenui e le sfumature acquerellate acquisiscono una loro identità assoluta. Due porte mercantili di campagna diventano Mario ed Antonella, due amici così diversi da essere complementari, oppure incontriamo Pier Paolo Pasolini impersonato da una porta di Chia, Frazione di Soriano nel Cimino, con la veduta del paese stesso, tanto caro allo scrittore e regista.

Molto commovente è rivolgere lo sguardo verso due porte che indicano i numeri civici 38 e 32, gli anni di nascita dei genitori di Sanna, due porte diverse ma che da più di cinquant’anni stanno rivolte l’una verso l’altra, imperturbati dall’età e dalla vita. Il tempo è dunque uno di quei misteri che spesso sfugge alla nostra mente, esso nelle vicende irreali è malleabile e afferrabile.

Lo straordinario non spezza il flusso delle abitudini, ma le dirotta verso un tempo parallelo, dove gli oggetti sono persone e le persone sono oggetti, dove una porta può celare un mistero, ma può in essa contenere la verità del racconto. Così come in una labirinto della mente, la porta diventa il passaggio tra ciò che siamo e ciò che di noi lasceremo.

Elisa Polidori Storico dell’Arte

[Fonte: Perugia OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto

Umbria OnLine pubblicità

MAPPA DEGLI HOTELS DELLA CITTA' DI PERUGIA:

Booking.com